• side-navigation-widget

KCCM

Mijn naam is Garcia

Amstelpark

Mijn naam is Garcia

Abbiamo già lavorato all'Amstelpark su invito di Zone2Source. Da questo periodo di lavoro, continuiamo la nostra ricerca per Exploded View. Molti residui spaziali della Floriade sono ancora, spesso prontamente persi, visibili nel parco. Dovremmo semplicemente lasciarli o offrono spunti per lo sviluppo di nuovi scenari? La ricerca archivistica e il lavoro sul campo hanno portato allo sviluppo di diverse strategie per fornire al patrimonio Floriade un nuovo contesto e per dare una rinnovata esperienza del parco ai suoi visitatori.

Per mezzo di cinque interventi spaziali temporanei abbiamo testato sperimentalmente queste strategie, ad esempio nel padiglione francese. Parlando con i dirigenti che hanno lavorato nel parco dopo la Floriade, abbiamo scoperto che uno dei padiglioni è stato sepolto poco dopo la chiusura della Floriade. Sulla base di foto d'archivio e ricerche sul campo, abbiamo determinato la presunta posizione del padiglione francese. Con un gruppo di studenti di archeologia abbiamo scoperto l'ingresso del padiglione in un giorno. Di sera, l'entrata era di nuovo coperta di terra. Il gruppo di studenti e passanti casuali hanno assistito ad una scoperta notevole. Attraverso questo ed altri interventi, le persone coinvolte e i visitatori abituali hanno brevemente incontrato la storia stratificata del parco.

In una nuova fase, come parte del progetto di ricerca Exploded View, cerchiamo un modo per rendere la storia speciale della Floriade parte di una visita all'Amstelpark. In un padiglione piccolo ma progettato in modo univoco, Grace Kelly ha battezzato un giglio che prese il suo nome nel 1972. Recentemente questo padiglione è stato demolito, il che ha fatto scomparire lo spazio designato al ricordo di questo avvenimento. Precedentemente questo spazio esisteva, ma solo poche persone sapevano per quale scope fosse stato costruito originariamente il padiglione. Per lungo tempo è stato utilizzato come luogo per picnic, soffiando, nascondendo o riposando nel parco. Qual è un modo adatto per rendere visiva la storia stratificata del parco, senza elevare uno strato sopra l'altro? Attraverso una guida turistica di tipo collage vogliamo rendere questa diversità perspicace e divisibile da diverse prospettive.
Krijn Christiaansen (1978) e Cathelijne Montens (1978) si sono entrambi diplomati alla Design Academy di Eindhoven. Nella loro pratica progettuale, studiano il modo in cui lo spazio pubblico e i paesaggi sono fatti, usati, sperimentati, formati e trasformati dagli umani. L'attenzione non è focalizzata solo sulle manifestazioni fisiche dell'ambiente (costruito), ma include anche storie, miti, costumi e azioni che sono racchiuse nello spazio. Christiaansen en Montens ha prodotto opere per le province di Utrecht, Gheldria, Noord-Brabant e Drenthe, i comuni di Amsterdam, Casablanca e Den Haag e il porto di Rotterdam, tra gli altri. Il loro lavoro è esposto in una varietà di musei e gallerie, tra cui lo Stedelijk Museum di Amsterdam, il Museum Boijmans van Beuningen, lo Stroom Den Haag, il Centraal Museum di Utrecht e l'Erasmushuis di Giacarta.

Ulteriori informazioni: www.kccm.nl