• side-navigation-widget

De Onkruidenier

Plant Bed Sociology

Amstelpark

Plant Bed Sociology

La ricerca dell'Onkruidenier in Exploded View mette in discussione le strutture esistenti derivate dalla genesi di un paesaggio per definire il nostro rapporto con la natura urbana.

Guardando la storia dell'Amstelpark dal 1972 in poi, molte diverse tipologie di paesaggi sono riunite. Essendo il parco un ex terreno Floriade, le attuali composizioni di aiuole sono in realtà un riferimento ai paesaggi esistenti altrove. Il letto vegetale come soggetto, è al centro del progetto dell'Onkruidenier per studiare la relazione tra uomo, pianta e paesaggio. Da questa prospettiva vedremo le composizioni vegetali originali del parco come una rappresentazione di diversi paesaggi (inter) nazionali.

Lavoro sul campo come ricerca 

Alla fine del 2018, l'Onkruidenier iniziò con una ricerca preliminare sulla composizione dei letti di piante nell'Amstelpark. In particolare abbiamo osservato il giardino di Heemtuin per le specie di piante autoctone. Questo giardino è stato piantato con oltre 400 piante in via di estinzione per mostrare le caratteristiche tipiche di alcune tipologie paesaggistiche che stanno scomparendo nei Paesi Bassi. Funziona sia come giardino educativo e garantisce anche la posizione delle specie vegetali autoctone. Quasi 50 anni dopo, quante di queste specie si sono insediate permanentemente nel parco, sono scomparse o si sono naturalizzate? Altre piante selvatiche si sono stabilite nel giardino? Quale nuovo equilibrio è emerso in questo biotopo? In che misura queste piante conducono un'esistenza nomade o migratoria? Quali storie vengono catturate nelle piante e cosa possono dirci?

Dopo la Floriade l'Heemtuin continua a trasformarsi in un nuovo tipo di paesaggio per il quale non è ancora possibile definire una definizione. L'Onkruidenier rintraccia gli echi di questi paesaggi una volta introdotti nel parco. Dopo le nostre prime esplorazioni, è emerso un archivio incompleto che disegna un'immagine grezza dei paesaggi miscelati trovati nell'Heemtuin. Tre di questi paesaggi indefiniti hanno attirato la nostra attenzione:

Taverna Refugium
Le antiche mura della taverna rovina di Kalfje lungo l'Amstel sono state collocate nell'Heemtuin dagli attuali ed ex custodi ecologici del parco. Con i restanti resti del muro è stato creato un nuovo muro. Ora offre uno spazio sicuro per felci e muschi tipicamente presenti nel Limburgo. È diventato un nascondiglio perfetto per insetti, uccelli e piccoli animali. A causa del vecchio gesso nella miscela di malta che tiene insieme i mattoni, ora crea questo biotopo unico.

Wild West Veluwe
Il paesaggio erboso del fiume e della diga è stato sostituito nell'Heemtuin da una deriva di sabbia locale che ricorda il Veluwe. Come la maggior parte dei posti ad Amsterdam anche il livello del terreno dell'Amstelpark è stato sollevato con sabbia. Sono quelle sabbie del Pleistocene che vagano in questo nuovo tipo di prateria causato dalla grande colonia di conigli che allenta la superficie. Il paesaggio quasi non referenziale crea una miscela desolata tra una città abbandonata e l'ovest selvaggio. Accanto alla sentenza del castello dei conigli, l'enotera è la regina indiscussa di questo tumultuoso pezzo di terra.

Bonsai da Giardino
Il paesaggio erboso del fiume e della diga è stato sostituito nell'Heemtuin da una deriva di sabbia locale che ricorda il Veluwe. Come la maggior parte dei posti ad Amsterdam anche il livello del terreno dell'Amstelpark è stato sollevato con sabbia. Sono quelle sabbie del Pleistocene che vagano in questo nuovo tipo di prateria causato dalla grande colonia di conigli che allenta la superficie. Il paesaggio quasi non referenziale crea una miscela desolata tra una città abbandonata e l'ovest selvaggio. Accanto alla sentenza del castello dei conigli, l'enotera è la regina indiscussa di questo tumultuoso pezzo di terra.

Queste tre tipologie di paesaggio non definite vengono presentate a diversi esperti da Onkruidenier durante Exploded View. Come e siamo effettivamente in grado di definirli e descriverli come nuovi biotopi?
Jonmar van Vlijmen e Ronald Boer sono de Onkruidenier e vivono una professione inesistente. La loro pratica si concentra su azioni culturali di classificazione, coltivazione, preparazione e consumo di piante selvatiche. Attraverso la ricerca sul campo e la ricerca partecipativa specifica del sito, la loro pratica artistica sviluppa nuove interpretazioni sul rapporto tra uomo e natura. La loro ricerca si sviluppa includendo gli utenti del paesaggio come esperti nel processo. Nella loro pratica basata sulla ricerca, l'obiettivo principale è l'esperimento verso nuove interpretazioni sulla natura e su come il confine tra il mondo culturale e quello naturale possa essere dissolto.